Nell’ormai lontano 1987 Giorgio Paruscio decise di creare una società calcistica con un obiettivo sociale ancor prima che sportivo. Fu così che con l’aiuto di alcuni amici affascinati dall’idea (di questi molti ancora presenti nella società) nacque l’Associazione Calcistica Albosaggia.

L’obiettivo di questa Associazione Sportiva era quello di far crescere i ragazzi in un ambiente pulito e famigliare con dei valori sani e diversi dallo sbando sociale che si può riscontare nei giovani abbandonati alla strada.

Il progetto è nato strutturato con le squadre del settore giovanile (Pulcini, Esordienti, Allievi) e una Prima Squadra che militava in Terza Categoria, si pensava e si pensa ancora tutt’oggi di affiancare i ragazzi dalla squadra dei più piccoli fino a portarli con un processo di crescita alla Prima Squadra.

Negli anni successivi due nuove squadre si sono introdotte nell’organigramma: la squadra dei Piccoli Amici e la squadra della Juniores. Proprio inserendo nel gruppo la squadra dei Piccoli Amici è così nato un progetto di Educazione Motoria che ancora oggi è il punto di riferimento dei nostri Allenatori.

Partendo dall’anima del progetto e dalle idee di fondo si è creata la base solida, sulla quale si è potuto sviluppare in modo sano e forte il movimento calcistico che si ha oggi.

Prima dell’incontro con l’Associazione Sportiva Dilettantistica Inter Club Ponchiera, la prima squadra si è cimentata in campionati di Terza o Seconda Categoria che si svolgevano all’interno della Provincia. L’obiettivo perseguito era più la creazione di un gruppo di amici, piuttosto che il raggiungimento di obiettivi sportivi.

I tanti Dirigenti dell’Inter Club Ponchiera continuano ancora adesso il loro impegno seguendo l’Albosaggia Ponchiera e sostenendo questa associazione con il cuore come dagli inizi.

Proprio nel 2007 dopo una retrocessione in Terza Categoria da parte dell’Albosaggia, i due Presidenti, Giorgio per Albosaggia e Mario Bordoni per Inter Club lasciando in disparte i campanilismi avuti durante i derby, decisero di creare un’unica società chiamata Associazione Sportiva Dilettantistica Albosaggia Ponchiera. Dalla parte orobica c’era l’intento di partecipare a Campionati più ambiziosi e allargare i propri orizzonti al di fuori della Provincia, dalla parte retica l’intento era quello di avere un settore giovanile indispensabile per un futuro calcistico.

Un segnale positivo di questa fusione c’è stato, dopo due anni di Campionato di Seconda Categoria la Prima Squadra ha raccolto i suoi primi frutti con la promozione in Prima Categoria alla quale ha partecipato per due stagioni e arricchendo sempre più un Settore Giovanile fino ad arrivare ad una Società che conta fino a 220 ragazzi tesserati.

Gli obiettivi sono rimasti gli stessi del lontano 1987, cercando di migliorarsi sempre di più, mantenendo serietà a livello umano senza dimenticare l’ambizione di crescere anche a livello sportivo.
Il mix di impegno sociale e impegno calcistico ha funzionato, funziona e tutta la Società si impegna a farlo funzionare nel migliore dei modi.